Cadute dall'alto: Accesso alla copertura.

ALLEGATO B
Dgr n. 97 del 31.01.2012
ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L’ACCESSO, IL TRANSITO E L’ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA.

Cap. 1.2: Accesso alla copertura

L’accesso alla copertura o a postazioni che espongano a rischio di caduta per dislivelli superiori ai 2 metri, per essere agevole e sicuro, richiede la predisposizione di strutture fisse quali:

A - Percorsi

B - Aperture

C - Scale

Dette soluzioni possono essere previste sia all’interno che all’esterno dell’edificio.

 

PERCORSI

A: I percorsi orizzontali e verticali devono avere:altezza libera > 1,80 metri rispetto al piano di calpestio e una larghezza > 0.70 metri. In presenza di vincoli costruttivi non eliminabili, tale altezza può essere ridotta a 1,20 metri. Gli ostacoli fissi che per ragioni tecniche non possono essere eliminati devono essere chiaramente segnalati e, se del caso, protetti; parapetti normali con arresto al piede o altra difesa equivalente in corrispondenza dei lati aperti prospicienti il vuoto; illuminazione artificiale d’intensità > 20 lux, se è prevedibile un utilizzo del percorso in condizioni di scarsa o assente illuminazione naturale. I corpi illuminanti devono essere protetti dal rischio d’urto; piani di calpestio in materiale antisdrucciolo. Se gli stessi sono collocati all’esterno, la loro conformazione deve essere tale da evitare l’accumulo di fango e la formazione di lamined’acqua;piani di calpestio grigliati con maglie non attraversabili da una sfera di 35 mm e, se sono sovrastanti luoghi con permanenza o passaggio di persone, non devono essere attraversabili da una sfera di 20 mm; tutte le superfici di calpestio che garantiscano un’ adeguata portata in relazione ai carichi previsti (persone, attrezzature e materiali);scale scelte secondo il seguente ordine di priorità: scale fisse a gradini, scale fisse achiocciola, scale fisse a pioli con inclinazione <75°, scale retrattili, scale fisse a pioli verticali o con inclinazione > 75°.

 

APERTURE

B. Le aperture per l’accesso diretto alla copertura devono avere:

B.1 Se orizzontali o inclinate: dimensioni adatte ai prevedibili ingombri di materiali e attrezzature da trasportare e comunque una superficie non inferiore a 0,50 mq. Qualora l’apertura sia di forma rettangolare, il lato inferiore deve essere >0,70 metri.Se l’apertura è a sezione circolare il diametro deve essere >0,80 metri.

 

B.2 Se verticali: larghezza >0,70 metri e altezza >1,20 metri. Limitatamente agli edifici già esistenti, in presenza di vincoli costruttivi non eliminabili, possono essere prese in considerazione dimensioni diverse, tali comunque da garantire un agevole passaggio delle persone e dei materiali.

 

SCALE

C.1 Se a gradini a sviluppo rettilineo o a chiocciola devono avere:parapetto normale o altra difesa equivalente, in corrispondenza di lati aperti con rischio di caduta dall’alto; corrimano ad una altezza compresa tra 0,90 e 1 metri su almeno uno dei due lati delimitati da pareti; larghezza pari a 0,60 metri . Se a chiocciola, il diametro deve essere pari a 1 metro. E’ preferibile, comunque, scegliere scale a sezione quadrata; gradini con pedata e alzata dimensionate a regola d’arte. In presenza di vincoli costruttivi non eliminabili, l’alzata e la pedata possono avere dimensioni rispettivamente non superiori a 0,22 metri e non inferiori a 0,25 metri, profili dei gradini a spigolo arrotondato, pianerottoli di riposo almeno ogni 20 gradini.

 

C.2 Se a pioli devono avere: larghezza > 0,35 metri;distanza tra i pioli compresa tra 0,25 – 0,30 metri; maniglioni di sbarco di altezza compresa tra 0.90 e 1 metro; distanza tra i pioli e la parete opposta al piano dei pioli pari o superiore a 0,15 metri.

 

C.3 Se a pioli verticali o con inclinazione > 75° e altezza > 5 metri devono essere dotate, lungo tutto il loro sviluppo, di sistemi (funi o rotaie di guida ) per l’aggancio di idonei D.P.I. anticaduta. In alternativa devono avere: solida gabbia metallica di protezione, a partire da una altezza di 2,50 metri, avente maglie o aperture di ampiezza tale da impedire la caduta accidentale della persona verso l’esterno; parete della gabbia opposta al piano dei pioli che non disti da questi più di 0,60 metri; piattaforme di riposo ogni 4 metri, con superficie sufficiente a permettere l’appoggio completo di due piedi e tale da consentire di stare in piedi comodamente; sbarramenti che ne impediscano l’uso alle persone non autorizzate.

C.4 Se retrattili a gradini devono avere:larghezza utile >0,35 metri;gradini con alzata compresa tra 0,25 e 0,30 metri; montanti dotati di corrimano distanti dagli stessi almeno 0,10 metri; dimensioni minime della botola, a cui sono applicate, pari a 1,20 x 0,70 metri; ripiani di sbarco dotati di maniglioni di sbarco di altezza compresa tra 0.90 e 1 metro; portata pari a 150 Kg (1500 N). Tali scale devono essere utilizzate mantenendo una inclinazione compresa tra 60° e 75°.

VENETO LINEA VITA

Piazza Madre Teresa di Calcutta, 5

località VIGOROVEA

35020 Sant'Angelo di Piove (PD)

Tel. 0418877338  Fax. 041 8871278

Cell. 3404994024

venetolineavita@gmail.com

Progetto, fornitura, posa e manutenzione di Linee vita a norma UNI EN 795. Noleggio di ponteggi con posa in opera certificata.

Prodotti e soluzioni per lavori in quota personalizzati "chiavi in mano".

CONTATTACI SENZA IMPEGNO PER QUALSIASI INFORMAZIONE O PREVENTIVO!

 

La linea vita in Veneto è obbligatoria? CLICCA QUI!